Home > Catalogo > Tecnici > Analisi di stabilità e messa in sicurezza dei pendii

Analisi di stabilità e messa in sicurezza dei pendii

Analisi di stabilità e messa in sicurezza dei pendii
Consegna: 3 giorni (spedizioni il mercoledì)

di: Faustino Cetraro
Editore: Maggioli SpA
Anno: 2012

Testo: italiano
€ 46,00 infoaggiungi al carrello

Descrizione

Il testo, molto utile sia per coloro che si avvicinano a questa materia che a coloro che da tempo se ne occupano professionalmente, illustra i vari concetti in modo semplice e chiaro con particolare attenzione alle applicazioni a fini pratici, il tutto corredato da illustrazioni grafiche che aiutano a comprendere al meglio l’esposizione. Gli argomenti trattati sono stati organizzati in maniera da fornire, al lettore, tutte le informazioni necessarie per eseguire una corretta analisi di stabilità dei versanti sia in terra che in roccia. In merito a ciò vengono introdotti i concetti basilari della meccanica dei terreni, in modo da chiarire gli aspetti sulle proprietà dei terreni. Si analizzano le condizioni di stabilità per i pendii indefiniti e di altezza limitata sino a giungere alla definizione del fattore di sicurezza. Vengono riportati i vari metodi di calcolo per trovare la superficie critica di scorrimento, da quelli più semplici del cerchio critico a quelli più sofisticati come la tecnica di Monte Carlo o di ottimizzazione globale oppure con il Dynamic Programming. Chiariti questi concetti, si descrivono i metodi tradizionali delle strisce e quelli di più recente applicazione che si basano sugli elementi finiti (FEM). Inoltre, gli stessi metodi vengono affrontati sia in assenza che in presenza di sisma utilizzando come riferimento le Norme Tecniche per le Costruzioni del 2008 nel calcolo dei coefficienti per le azioni sismiche. In maniera del tutto graduale, poi, si passa alla trattazione dei pendii in roccia, definendo i concetti di base sulla classificazione degli ammassi rocciosi. Si descrivono le tecniche di rappresentazione delle discontinuità sui reticoli stereografici, per giungere poi ai modelli che identificano l’instabilità del pendio roccioso, attraverso i diversi cinematismi dei blocchi o dei cunei di roccia. Per concludere, poi, con le tecniche di messa in sicurezza e stabilizzazione dei versanti. Al fine di dare un valido aiuto nella comprensione degli argomenti, nel testo sono stati pubblicati diversi esempi di calcolo risolti, con passaggi e formule commentati.

Carrello

Al momento il tuo carrello è vuoto Nessun articolo selezionato